Rifiuti, arriva la Carta Smeraldo: il cassonetto dell’indifferenziata si aprirà solo con la tessera

18 Maggio 2019
Nuovo cassonetto per l'indifferenziata che si apre con la Carta Smeraldo

Nel giro di qualche anno tutti i cittadini bolognesi intestatari della Tari, la tassa rifiuti, avranno la Carta Smeraldo, una tessera con la quale aprire il nuovo cassonetto della raccolta indifferenziata. Dopo altri Comuni grandi e piccoli della regione, la novità arriva anche a Bologna a partire dal Savena, Quartiere pilota dei cambiamenti che negli ultimi anni hanno riguardato la raccolta dei rifiuti. Qui la distribuzione delle tessere e la posa dei nuovi cassonetti terrà impegnati il Comune e Hera, gestore del servizio di raccolta dei rifiuti in città, dalla fine di maggio fino all’estate.  Come funziona il nuovo cassonetto che si apre con la Carta Smeraldo? Lo spiegano anche Giorgio Comaschi e Danilo Masotti in questo video.

Nuovi cassonetti: dove sono

Dal 22 al 27 luglio 66 nuovi contenitori saranno posizionati in: via Benedetto Marcello, via Corelli, via San Ruffillo, via Serato, via Ponchielli, Piazzale Anceschi, via Direttissima, Piazza Caduti San Ruffillo, via Albinoni, via Ghirardini, via Don Guanella, via Scarlatti, via Giordano, via Mascagni, via delle Armi, via Cilea, via Fleming, via Corradi, via Tagliacozzi, via Baroni e via Toscana.

Dal 15 al 20 luglio 65 nuovi cassonetti saranno posizionati in via Abba, via Albornoz, via Argonne, via Bezzecca, via Borgatti, via Carissimi, via Cavazzoni, via Cherubini, via Corticelli, via della Battaglia, via Domokos, via Frescobaldi, via Gubellini, via Longo, via Nullo, via Oblach, via Osoppo, via Padova, via Palestrina, via Portazza, via Savigno, via Sesto San Giovanni, via Torino, via Tukory e via Venezia.

Dal 5 al 10 luglio altri 65 nuovi cassonetti saranno collocati in via Barbacci, via dello Spalto, via Fiacchi, via Fosse Ardeatine, via Fossolo, via Gozzoli, via Lazio, via Legnani, via Magini, via Marche, via Milano, via Misa, via Oretti, via Po, via Pontevecchio, via Roselle, via Spina, via Vetulonia, viale Felsina, viale Lenin.

Nella settimana dal 1 al 6 luglio altri 67 nuovi cassonetti saranno collocati in via Umbria, via Tagliamento, viale Sergio Cavina, via Lidice, via Giuseppe Dozza, via Carlo Carli, via Dall'Olio, via Tacconi, via Golinelli, via Mondolfo, via Caduti e Dispersi in Guerra, via Longhena, via Due Madonne, via Enriques, via Lincoln, via Marx, via Bombicci, via Pomponazzi, via Orlandi, via Bonafede, via Alidosi, via Neruda, via Allende e via Legnani.

Da lunedì 17 a sabato 22 giugno altri 60 nuovi cassonetti saranno collocati in Piazza Belluno e nelle vie Largo Brescia, Abruzzo, Adige, Mazzoni, Cracovia, Degli Orti, Degli Ortolani, Emilia Levante, Feltre, Fiorita, Firenze, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia e Viale Roma. Nelle stesse vie sarà a disposizione un tutor di Hera, con pettorina e tesserino di riconoscimento, che nei primi giorni di attività, dalle 6 alle 21, spiegherà come utilizzare la Carta Smeraldo e come conferire i rifiuti indifferenziati.

I primi 50 nuovi cassonetti saranno posizionati progressivamente, da martedì 28 maggio, nelle vie Arno, Dal Monte, Bellaria, Brenta, Calabria, Calanco, Cavedone, Faenza, Ferrara, Genova, Napoli, Sardegna, Valle d’Aosta, Ventimiglia, Piacenza, Gemito e Aspertini.

Carta Smeraldo: come ritirarla

La consegna della tessera a domicilio è iniziata il 9 marzo scorso e si è conclusa a metà maggio. Chi non l'ha ricevuta deve andare a ritirarla agli sportelli dell’Ufficio Tassa Rifiuti (Tari) in Piazza Liber Paradisus 10 (Torre A, primo piano). I residenti nel Quartiere Savena potranno accedere agli sportelli Tari anche senza appuntamento negli orari di apertura (dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 16.30).

In caso di smarrimento o furto di una o entrambe le tessere, occorre invece recarsi all’Ufficio relazioni con il pubblico del settore Entrate-Tari (che si trova sempre in Piazza Liber Paradisus 10, al primo piano della Torre A), aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30, martedì e giovedì anche il pomeriggio dalle 14 alle 16.30.

Info-point: dalla settimana del 20 maggio 2019 vengono attivati gli info-point in alcuni luoghi di grande affluenza del Quartiere Savena, dove personale di Hera fornirà informazioni sui nuovi servizi, sulla Carta Smeraldo e sul nuovo cassonetto per la raccolta indifferenziata. I primi info-point sono in programma martedì 21 maggio dalle 10 alle 14 al centro commerciale San Ruffillo di via Ponchielli 23 e giovedì 23 maggio dalle 9 alle 13 a Villa Mazzacorati (via Toscana 19).

Sono online su Iperbole, il sito del Comune di Bologna, le risposte alle domande più frequenti sull’arrivo della Carta Smeraldo e sulle novità nella raccolta dei rifiuti:

Domande e risposte si trovano nella sezione di Iperbole dedicata ai rifiuti. 

Qui invece tutte le informazioni sulla Carta Smeraldo e sui nuovi cassonetti. 

La Carta Smeraldo

A Bologna la Carta Smeraldo serve, al momento, solo per aprire il cassonetto dell’indifferenziata e la Tari rimane invariata. La tessera, dopo Savena e il centro storico, arriverà anche in tutti gli altri Quartieri della città e la distribuzione si concluderà alla fine del 2021.
La tessera con chip che apre il cassonetto per il rifiuto indifferenziato e permette così il riconoscimento dell’utente, è il primo passo verso l’introduzione della tariffa puntuale, prevista dalla legge regionale 16 del 2015. Il sistema consente di misurare puntualmente il rifiuto indifferenziato prodotto e conferito, associandolo a ogni utente Tari. I benefici sul corrispettivo della tassa derivanti da una gestione dei rifiuti più consapevole potranno essere quantificati quando su tutto il territorio saranno presenti i cassonetti che consentono di quantificare i conferimenti.
I tecnici di Comune e di Hera sono al lavoro per dare a tutti, entro il 2019, la possibilità di utilizzare la Carta Smeraldo anche attraverso un’app scaricabile da qualsiasi smartphone, così chi vorrà lasciare a casa la tessera potrà comunque aprire il cassonetto col cellulare.

Cosa succede nel centro storico
In autunno la tessera sarà distribuita anche ai cittadini del centro storico, dove arriveranno quindi i cassonetti della raccolta indifferenziata (dunque questo tipo di rifiuto non sarà più raccolto a domicilio) e dove, successivamente, sarà rivisto il sistema di raccolta porta a porta con un solo passaggio alla settimana per carta e plastica, per venire incontro alle esigenze dei residenti e per rendere ancora più bello il cuore della città, con l’obiettivo di garantire equilibrio tra tutte le necessità.

Alcuni dati sulla raccolta differenziata
Negli ultimi due anni la raccolta differenziata in città è aumentata di sei punti percentuali arrivando nel 2018 a quota 51,8%, con una punta a dicembre del 52,9%. Al Quartiere Savena il risultato del 2018 è stato del 62,7% di raccolta differenziata. La legge regionale fissa al 70% l’obiettivo di raccolta differenziata per il Comune di Bologna nel 2020. Grazie al corretto conferimento da parte dei cittadini, la qualità dei rifiuti differenziati è ottima: 92% per il rifiuto organico, 95% per vetro e lattine, oltre il 95% per carta e cartone, oltre il 94% per gli imballaggi in plastica.

La Carta Smeraldo al Quartiere Savena: quando
Dal 28 maggio 2019 a Savena cominceranno a vedersi i primi nuovi cassonetti per la raccolta indifferenziata: in tutto, alla fine di luglio, saranno 530. Oggi i cittadini che vivono nel quartiere conferiscono i rifiuti indifferenziati in un cassonetto con la calotta che viene aperta tramite una leva meccanica: nel nuovo cassonetto invece è inserito un cassetto da 30 litri (il 25% di volume in più rispetto alla calotta) che si apre automaticamente avvicinando la Carta Smeraldo al lettore ottico. Una volta inserito il sacchetto di rifiuti indifferenziati, basterà schiacciare il pedale per richiudere il cassetto. Grazie alla tessera che apre e al pedale che chiude, il cittadino non avrà bisogno di toccare mai il cassonetto.

La Carta Smeraldo al Quartiere Savena: la consegna
Dal 9 marzo 2019 e fino a metà maggio la Carta Smeraldo è stata consegnata a domicilio. Sono 31.907 gli utenti domestici e 2.075 gli utenti non domestici di Savena. Il piccolo esercito di tutor (50 addetti) è stato messo in campo da Hera per andare casa per casa e lasciare la tessera (sono state consegnate due tessere a ogni intestatario della Tari) insieme a un opuscolo in italiano e in inglese che ne spiega l’utilizzo. L’arrivo degli informatori è stato preceduto dall’affissione in ogni condominio di un avviso. Per informazioni dedicate sulla Carta Smeraldo, si può chiamare il numero verde gratuito 800 991 304 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18).
Gli informatori sono passati tre volte in orari diversi e, se non hanno trovato nessuno, al terzo passaggio a vuoto hanno lasciato nella buchetta della posta un avviso con la modalità alternativa di ritiro della card: ci si deve recare all’Ecosportello aperto fino a mercoledì 31 luglio 2019 nella sede del Quartiere Savena (via Faenza 4) dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13 e dalle 15 alle 19.

La Carta Smeraldo al Quartiere Savena: se non ti troviamo a casa
La Carta Smeraldo può essere consegnata solo all’intestatario della Tari oppure a un familiare o convivente residente nella stessa abitazione. È possibile però delegare un’altra persona a ritirarla sia al momento dell’arrivo dell’informatore a casa, sia in un secondo momento all’Ecosportello. Per questo ai circa 34.000 utenti domestici e non domestici di Savena è stata distribuita una lettera con le informazioni principali sulla consegna della Carta Smeraldo e i moduli per il ritiro da parte di familiari e residenti conviventi oppure persone diverse, per esempio un vicino di casa.

In programma tre incontri pubblici:

  • giovedì 21 febbraio alle 20.30 nella sede del Quartiere Savena (via Faenza 4)
  • lunedì 25 febbraio alle 18 a Villa Mazzacorati (via Toscana 19)
  • martedì 5 marzo alle 20.30 al Centro Due Madonne (via Carlo Carli 56)

La Carta Smeraldo al Quartiere Savena: nuovi servizi
Insieme ai primi cassonetti, dal 20 maggio a Savena arriveranno anche due nuovi servizi per andare sempre più incontro alle esigenze dei cittadini. Il primo riguarda la raccolta di piccoli ingombranti e piccole apparecchiature elettriche ed elettroniche: grazie al nuovo servizio voluto dal Comune e realizzato da Hera, i cittadini potranno portarli tre volte alla settimana in tre punti diversi del Quartiere.
Il mezzo di raccolta di questi materiali sarà a disposizione:

  • il lunedì dalle 7 alle 12 davanti alla sede del Quartiere Savena (via Faenza 4);
  • il mercoledì dalle 14 alle 19 nel parcheggio del Cinema Fossolo (via Lincoln 3);
  • il sabato dalle 8 alle 12 davanti al centro commerciale San Ruffillo (via Ponchielli 23).

Il secondo servizio è una pulizia extra: un passaggio in più alla settimana per garantire il decoro delle aree attorno ai cassonetti.

Comune ed Hera contro gli abbandoni
Prosegue inoltre senza sosta il contrasto all’abbandono dei rifiuti, sanzionabile per legge e degradante per l’ambiente circostante. Nel 2018 le Guardie Ecologiche Volontarie e la Polizia Locale hanno elevato in tutta la città oltre mille verbali. Chi abbandona i rifiuti su suolo pubblico e chi li conferisce in maniera errata rischia una sanzione da 100 a 600 euro.
Il fenomeno incivile dell’abbandono si contrasta anche con il servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti, garantito da Hera che ritira gratuitamente a domicilio per le utenze domestiche i rifiuti che non possono essere facilmente trasportati alle stazioni ecologiche (per esempio mobili, sedie, poltrone, materassi, reti, tavoli, lavatrici, lavastoviglie, forni, frigoriferi). Per prenotare il ritiro basta chiamare il numero verde gratuito del Servizio Clienti Hera (800 999 500) e fissare l’appuntamento.

Iperbole - Rifiuti e differenziata

Arriva la Carta Smeraldo! Come si usa per aprire il cassonetto?

Documenti scaricabili: